Vicenza, arriva il filobus: primo collaudo nel 2024

L’assessore alla progettazione e sostenibilità urbana di Vicenza, Antonio Dalla Pozza (in foto), ha annunciato l’acquisizione dei veicoli per l’esercizio della nuova linea di trasporto pubblico con alimentazione elettrica, il cosiddetto filobus. «Contiamo che i nuovi veicoli elettrici siano pronti per il collaudo alla data del primo giugno 2024 – ha dichiarato Dalla Pozza in una nota – , in totale allineamento con quanto previsto dal progetto dell’alta velocità alta capacità ferroviaria in relazione alla realizzazione dell’infrastruttura. Tra il finanziamento ministeriale dei mezzi per oltre 18 milioni di euro e le infrastrutture per 30 milioni di euro inserite tra le opere previste per il passaggio per Vicenza dell’alta capacità ferroviaria, stiamo parlando di un intervento di mobilità urbana sostenibile assolutamente innovativo, del valore di 50 milioni di euro».

«Per questo progetto, già oggetto dell’interesse di aziende leader sia nel nostro territorio sia nel mondo – continua l’assessore -, abbiamo guardato decisamente al futuro, a differenza di chi ancora oggi si volta indietro, proponendo di riaprire alle automobili private le piazze nella Ztl (il riferimento è alla proposta del candidato sindaco forzista Tosetto, ndr)». La linea del filobus attraverserà la città da est a ovest con uno sviluppo lineare di 11,2 chilometri, circa 18 fermate oltre ai due capolinea dotati di parcheggi di interscambio, una capacità di linea pari a 1350 passeggeri nelle ore di punta per ogni direzione e una domanda calcolata di 1000 passeggeri, con un incremento del 45% rispetto all’attuale linea 1. La tecnologia di alimentazione dei mezzi sarà oggetto di specifici studi, considerato il quadro tecnologico in pronunciato e costante progresso.