Scuola, in Veneto 350 maestri aderiscono a sciopero fame

È iniziato lo sciopero della fame di maestri e maestre per protestare contro l’esclusione dalle graduatorie di chi non è in possesso di una laurea, anche se insegna da diversi anni. Mercoledì e giovedì, al ritorno dal ponte del 1 maggio, saranno quasi 3 mila gli insegnanti che incroceranno le braccia e non andranno in classe. Come scrive Giulia Busetto sul Corriere del Veneto nell’edizione di Venezia, la protesta si concluderà il 3 maggio a Roma davanti al ministero dell’istruzione. In Veneto, dove è partita l’idea, sono 350 i maestri e maestre che hanno annunciato di voler aderire allo sciopero della fame appoggiato.

«Con questa azione – ha detto Daniela D’Angelo, presidente di Anief Venezia – chiediamo l’apertura delle graduatorie ad esaurimento per tutti quelli che ne hanno diritto, anche per i colleghi laureati. E poi protestiamo per il rinnovo del contratto nazionale che dopo una vacanza contrattuale di nove anni ha messo nel piatto solo 85 euro lordi». I maestri che potrebbero perdere il posto già da quest’estate in Veneto sono circa 6700.

(Ph: Facebook – Anief Associazione Nazionale Insegnanti e Formatori)

Tags: