«Bocelli in Arena, troppi misteri in Fondazione»

Pubblichiamo il comunicato del consigliere comunale di Verona e sinistra in Comune Michele Bertucco sull’esibizione di Andrea Bocelli all’Arena

Non hanno neanche fatto in tempo a chiudere l‘incidente con la Rachvelishvili che già i “nuovi” vertici della Fondazione Arena risultano coinvolti in un altro giallo: perché non compare il logo della Fondazione Arena tra gli organizzatori dell’evento benefico “La notte di Andrea Bocelli” in programma all’anfiteatro Arena la sera dell’8 settembre? Vivaticket, l’agenzia che ne promuove la prevendita , è una biglietteria autorizzata della Fondazione Arena? Visto che di rilancio stiamo parlando, questo concerto, segnalato anche dall’agenzia Ansa come un grande evento che «vedrà la partecipazione di ospiti internazionali, oltre 400 artisti, l’Orchestra e il Coro dell’Arena di Verona», non sarebbe da considerarsi come un’occasione imperdibile ? Peccato che nella locandina non compaia alcun riferimento alla Fondazione Arena ma soltanto al sito internet della Fav, quasi a suggerire una mera azione di supporto. Ma l’anfiteatro, l’orchestra, il coro, il riconoscimento dell’operato dei lavoratori di Fondazione Arena?

«Come abbiamo imparato a conoscere nel passato, i rapporti all’interno della Fondazione Arena sono sempre così opachi da non permettere mai di capire chi lavori per chi. Qualcuno ha forse affittato l’Arena, il coro e l’orchestra alla fondazione di Bocelli che promuove la raccolta fondi? Se sì, chi è stato e a quale titolo? A quale titolo, poi, Vivaticket, che non corrisponde alla biglietteria ufficiale dell’Arena, gestisce le prevendite? Queste stesse domande se le stanno ponendo in tanti all’interno di Fondazione Arena. Tante persone che hanno creduto nella possibilità che finalmente tutta la città potesse stringersi a sostengo della sua fondazione lirico-sinfonica».

(Ph: Facebook – Andrea Bocelli)