Tagli ai Comuni veneti, meno 5 miliardi in 7 anni

22 miliardi in meno. A tanto ammontano i tagli alle amministrazioni comunali in Italia dal 2010 al 2017, secondo l’Ufficio studi della Cgia di Mestre. Al netto dei fondi erogati al comparto sanitario, in 7 anni Regione, Province e gli oltre 570 Comuni veneti hanno visto tagliare risorse per 5 miliardi di euro.

Per far quadrare i bilanci comunali, le tasse locali sono lievitate fino al 2015, quando è scattato il blocco degli aumenti imposto dal governo Renzi. Da allora, come riporta il Corriere del Veneto a pagina 18, la liquidità è stata recuperata tagliando sui servizi, investimenti, manutenzioni e dilazionando i pagamenti ai fornitori.