Governo, Renzi torna e chiude al M5S: «abbiamo perso, no giochi di palazzo»

«Se parlano le due Coree possono parlare anche Pd e M5S» ha detto Matteo Renzi, ex segretario del Pd intervistato ieri sera da Fabio Fazio a “Che tempo che fa“, nel suo primo intervento pubblico dopo le elezioni del 4 marzo. Renzi ha chiuso a una partecipazione del Partito Democratico al prossimo esecutivo. Siamo seri. Chi ha perso le elezioni non può andare al governo. Il 4 marzo non è stato uno scherzo: il Pd ha perso, io mi sono dimesso e 7 italiani su 10 hanno votato o per Luigi Di Maio o per Matteo Salvini.

Allora tocca a loro governare – ha proseguito Renzi -. Noi non possiamo con un gioco di palazzo rientrare dalla finestra dopo che gli italiani ci hanno fatto uscire dalla porta. Il governo lo deve fare chi ha vinto, se ne è capace. Io spero di sì per l’Italia». Giovedì 3 maggio ci sarà la direzione nazionale del Pd per decidere se sedersi a un tavolo con il Movimento5Stelle oppure no. «L’incontro con Di Maio andrebbe fatto in streaming, così ci chiariamo definitivamente. È importante che i cittadini sappiano se ha cambiato idea sui vaccini, sulla Tav, sul reddito di cittadinanza. Però le elezioni le hanno vinte loro. A noi – ha concluso Renzi – in campagna elettorale ci hanno detto che eravamo corrotti, mafiosi, ladri di democrazia, killer ambientali, amici delle banche, dei petrolieri. Come potremmo votare la fiducia a un governo Di Maio? La gente a casa perderebbe fiducia nella democrazia e nell’esercizio del diritto di voto».

Tags: