«Tornelli “fantasma” di Brugnaro? Soluzione di facciata»

«Questa amministrazione si accontenta delle apparenze ed è poco interessata ai risultati reali; si lancia in soluzioni improvvisate nate dalla mente del sindaco dalla sera alla mattina, senza fare programmazione». Così in un comunicato il segretario cittadino del Pd di Venezia, Giorgio Dodi (in foto), attacca il sindaco Luigi Brugnaro sulla gestione del turismo in città e sui tornelli installati al ponte di Calatrava per dirottare i flussi di visitatori in altre aree.

«Purtroppo era ampiamente prevedibile che i tornelli non sarebbero stati chiusi questo fine settimana – continua Dodi -, non perché la situazione fosse sotto controllo, ma perché il sindaco non aveva nessun piano per gestire una chiusura reale di una parte di città e non avrebbe saputo come rispondere ai mille problemi concreti che un gesto del genere comporta in una città che, nonostante tutto, è ancora viva. Se l’unico risultato dei tornelli temporanei e dello spostamento dei lancioni è la distribuzione dei flussi su aree fino ad ora (relativamente) libere è evidente che in brevissimo tempo il “sistema turismo” che opera a livello internazionale capirà che a Venezia ci sono altre aree da colonizzare e i numeri aumenteranno ancora di più, mentre gli spazi in cui vivere dignitosamente saranno ulteriormente erosi».

«Se all’effetto sorpresa non seguirà un piano complessivo serio nulla cambierà e l’estate sarà più invivibile che mai – continua il sefretario dem -. Ai tornelli ad effetto va urgentemente sostituito un sistema di prenotazioni evoluto, un accordo con i tour operator per la gestione dei gruppi (troppi e troppo numerosi), una diversa gestione della ZTL bus e l’introduzione di una ZTL che limiti i lancioni granturismo, un dialogo con le Ferrovie dello Stato, il Porto e l’aeroporto per gestire gli arrivi (e magari evitare le promozioni che vendono Venezia a basso costo nei fine settimana), una trattativa con la Regione e lo Stato per le norme che regolano le affittanze turistiche (diversi disegni di legge giacciono a entrambi i livelli) (…) al momento l’amministrazione Brugnaro non è nemmeno riuscita a mettere in piedi un sistema per contare le persone. L’apparizione dei tornelli fantasma non cambia la situazione», conclude Dodi.

(ph: Facebook – Giorgio Dodi)

Tags: ,