Stop contributi ai condannati, Regione Veneto approva patentino di legalità

La Regione Veneto ha approvato una legge che istituisce il patentino di legalità per i destinatari di contributi pubblici. «Vogliamo essere un modello di perfetta legalità per tutto il Paese» ha detto l’avvocato e consigliere regionale Stefano Casali. Occorrerà essere incensurati per partecipare ai bandi regionali e ricevere finanziamenti.

«Sono d’accordo nel togliere i contributi a tutte le aziende condannate che hanno ancora oggi rapporti di lavoro con la Regione – ha detto il consigliere di Leu Piero Ruzzante-. Ma non possiamo mettere sullo stesso piano chi è stato condannato per corruzione con chi non paga gli alimenti al coniuge separato». Venezia ha il primato del più grande scandalo d’Italia con il Mose. Finalmente questo consiglio regionale fa capire che la musica è cambiata» ha invece detto il capogruppo M5S Jacopo Berti.

(Fonte: Il Mattino di Padova)

Tags: