Occupazione, Veneto record: meglio della Germania

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

16:30 – Il tasso di disoccupazione in Veneto (6,3%) è ai livelli della Germania, di poco inferiore a Lombardia (6,4%) ed Emilia Romagna (6,6%). La situazione risulta ben diversa al Sud Italia: la regione peggiore è stata la Calabria dove il tasso di disoccupazione è del 21,6% contro l’11,2% registrato dall’Istat a livello nazionale. Confrontando la situazione italiana con quella europea, si nota come i quadri a tinte più fosche siano quelli di Grecia (20,9%) e Spagna (16,4%), che con le loro regioni occupano le prime 10 posizioni per i valori di disoccupazione più alta. Ma quello che colpisce è il tasso di disoccupazione in Romania (4,6%), Ungheria (3,9%) e Repubblica Ceca (2,3%). Un “fenomeno” che spinge Confapi Padova a interrogarsi: cosa accadrebbe se la manodopera dell’Est Europa che oggi riveste un ruolo importante nell’economia del Veneto, spinta dai segnali di crescita, lasciasse l’Italia per rientrare nel proprio Paese?

«Quando, più di un anno fa, sostenevamo che per le nostre imprese il peggio era alle spalle e che l’economia stava ripartendo, – rileva Carlo Valerio, presidente Confapi Padova – in molti ci accusavano di eccessivo ottimismo. E chi sottolinea che aumentano solo i contratti a tempo determinato ricordo che parliamo, in ogni caso, di posti di lavoro che prima non c’erano e che la situazione italiana riguardo ai contratti a tempo determinato e indeterminato è simile a quella di nazioni che storicamente prendiamo come punti di riferimento, a partire dalla Germania. In certi settori, come edilizia e costruzioni, ci sono lavori svolti solo da manodopera straniera, perlopiù dell’Est Europa. Cosa accadrebbe se queste persone rientrassero in patria, dove, oggi, esiste quell’offerta di lavoro che ieri mancava? Sono nazioni in cui il tasso di crescita demografica è sensibilmente più alto del nostro: se in questi paesi la popolazione cresce, per forza aumenta anche la necessità di manodopera interna, con il “rischio” di depauperare ulteriormente la forza lavoro presente in Italia». (Fonte: Ansa – 12:01)

(Ph. Shutterstock)

Tags: , ,

Leggi anche questo