Confindustria, arrestato Montante: «spiava magistrati»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

L’ex presidente degli imprenditori siciliani Antonello Montante e attuale delegato alla legalità di Confindustria si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di associazione a delinquere: avrebbe infatti corrotto alcuni esponenti delle forze dell’ordine. Tramite questi contatti Montante spiava i magistrati della procura di Caltanissetta che tre anni fa avevano aperto un’inchiesta su di lui in base alle dichiarazioni di alcuni pentiti di mafia.

Arrestato anche il colonnello Giuseppe D’Agata, ex capocentro della Dia di Palermo poi passato ai servizi segreti,  Diego Di Simone, ex sostituto commissario della squadra mobile di Palermo, diventato responsabile della sicurezza di Montante, Marco De Angelis, sostituto commissario in servizio prima alla questura di Palermo poi alla prefettura di Milano, Ettore Orfanello, ex comandante del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Caltanissetta, l’imprenditore Massimo Romano titolare della catena di supermercati “Mizzica” – Carrefour Sicilia, con oltre 80 punti vendita nella regione e Giuseppe Graceffa, vice sovrintendente della polizia in servizio a Palermo.Queste persone avrebbero aiutato Montante in cambio di costosi regali e assunzioni per i familiari.

(Palermo.repubblica.it)

(Ph: Twitter – Nino Randisi)

Tags:

Leggi anche questo