Verona, caso Agec: M5S vuole vederci chiaro

Pubblichiamo l’interrogazione a risposta scritta del consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Verona Alessandro Gennari (in foto)

Premesso che l’inchiesta giornalistica di Vvox pubblicata il 03.03.2018, che si richiama integralmente, ha evidenziato la promozione di uno dei dipendenti Agec coinvolti nelle vicende giudiziarie assieme all’ex dir. gen. Tartaglia
Tutto ciò premesso e considerato il sottoscritto consigliere comunale chiede di chiarire quanto segue:

Quali siano le motivazioni espresse nella riunione del cda che hanno portato al nuovo mansionamento del Dott. Dusi con l’indicazione della data nella quale è stata adottata tale decisione e l’indicazione precisa delle motivazioni giuridiche che stanno alla base di tale scelta.
La motivazione per cui non è stato possibile reintegrare il dipendente in mansioni differenti rispetto a quelle già ricoperte durante i fatti appurati dalla magistratura.
Se il trattamento economico attuale del dott. Dusi è uguale, inferiore o superiore rispetto al periodo precedente all’inchiesta.
Quali siano le posizioni ricoperte oggi dagli altri quattro dipendenti di Agec che, come il dott. Dusi, hanno patteggiato la pena, rispetto a quelle già occupate nel 2014.
Quale consulenza avrebbe offerto Lime Solutions ad AGEC per la spesa di € 26.000,00, essendo questo l’importo più cospicuo speso dall’azienda nel ramo informatico nel 2018, e quali siano stati i criteri di selezione di tale società per l’assegnazione del relativo bando.
Se non sia opportuno che il Presidente dell’AGEC venga a chiarire in Consiglio Comunale quanto sopra evidenziato.

(Ph. M5S Verona / Facebook)

Tags: , , ,

Leggi anche questo