Chioggia, 12 ore di lavoro nei campi: «è schiavitù»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Il pubblico ministero del tribunale di Venezia, Paola Tonini, ha chiesto ieri una condanna a 8 anni e 9 mesi nei confronti di Noor Hossain, 49 anni, e Asma Hossain, 47, due coniugi bengalesi, residenti a Taglio di Po accusati di aver sfruttato i dipendenti connazionali della loro azienda agricola con fondi a Chioggia e Cavarzere. Come scrive Francesco Furlan su La Nuova Venezia a pagina 32, secondo l’impianto accusatorio, i lavoratori erano costretti a turni massacranti di 12 ore di lavoro al giorno per 150 euro al mese e quando qualcuno protestava o minacciava di andarsene, veniva picchiato. Inoltre la quindicina di dipendenti sarebbe stata costretta a vivere in condizioni di degrado.

Le denunce avevano portato all’arresto dei due bengalesi nel maggio dello scorso anno con l’accusa di riduzione in schiavitù e di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I coniugi ieri in tribunale hanno ribadito che non sapevano che i lavoratori erano irregolari: secondo la difesa i contratti proposti erano di 600 euro al mese e nessuno, come avevano raccontato invece le vittime, aveva mai parlato di contratti da 1500 euro.

(ph: lavorofisso.com)

Tags: , ,

Leggi anche questo