Verona, quote a Save: Finanza perquisisce Catullo

Ci sono nuovi sviluppi nel caso della cessione delle quote dell’aeroporto Catullo a Save. Come scrive Enrico Presazzi nell’edizione di Verona del Corriere del Veneto a pagina 11, lunedì gli uomini delle Fiamme Gialle hanno svolto delle perquisizioni negli uffici dell’aeroporto scaligero nell’ambito dell’inchiesta aperta dall’Anac. L’authority anticorruzione di Raffaele Cantone aveva infatti giudicato irregolare l’operazione di scalata effettuata dal gruppo di Enrico Marchi che ora detiene il 40,3% dello scalo veronese in aggiunta all’aeroporto di Venezia e al Montichiari di Brescia.

Nel corso del blitz, oltre alle indagini di mercato della società Catullo e ai documenti sulle variazioni dei volumi dei passeggeri negli ultimi dieci anni, i finanzieri hanno sequestrato i verbali dell’assemblea che certificò la cessione delle quote del Comune di Villafranca a Save. Fu da quel 2% ceduto nel 2014 infatti, che Marchi diede inizio alla sua scalata all’aeroporto. Secondo l’Anac, quell’operazione fu fatta senza rispettare le prescrizioni del Codice degli appalti che richiedeva la procedura di evidenza pubblica.

(ph: lamiapartitaiva.it)

 

Tags: , ,

Leggi anche questo