Creme solari, attenti a cosa (e a quanto) vi spalmate

Beatrice Mautino, nel suo saggio “Il trucco c’è e si vede. Inganni e bugie sui cosmetici”, lancia l’allarme sulle creme solari e ci spiega come usarle correttamente. Negli Stati Uniti sono considerate farmaci, ma ci si può fidare? «Quasi sempre -spiega la Mautino – sulla spiaggia d’estate di crema ne mettiamo troppo poca. Se la adoperassimo in modo appropriato la confezione si esaurirebbe dopo averla spalmata non più di 6 volte». Non fa differenza che la crema sia comprata in farmacia o al supermercato.

Come scrive Franco Pepe sul Giornale di Vicenza a pagina 23, secondo l’autrice di numerosi saggi e articoli, al di là della validità dei prodotti, siamo noi che non usiamo bene le creme. Ne occorrerebbero 2 milligrammi per centimetro quadrato di pelle, ma bisogna metterla frequentemente, ogni 2 ore, quando si suda o si fa il bagno. E sul livello di protezione la Mautino spiega: «non equivale al tempo in cui ci si può esporre al sole senza bruciarsi, non è che si può rimanere 50 o 30 volte di più del normale».

Tags: