90enne finge rapina, poi la verità: «mi sento sola, potete stare con me?»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Una chiamata come ne sentiranno tante le forze dell’ordine di Napoli: «rapina in casa, la vittima è una ultranovantenne». Così gli agenti si sono precipitati nell’abitazione segnalata e si sono trovati di fronte una scena incredibile. La nonnina stava bene, nessun segno di rapina. L’anziana appare confusa: «erano in tre, hanno preso i soldi». Poi quella richiesta a voce bassa e triste che stringe il cuore: «potete restare con me?». Solo dopo emerge la verità: «perdonatemi, è che sono sola, non esco di casa da un mese. Non ho nessuno e non mi posso permettere una badante… Voi mi portereste a fare un piccolo giro?».

Gli agenti, commossi da questa richiesta, fanno subito scattare l'”Operazione Nonne Ester“: portano la nonnina a fare due passi e insistono per offrirle un cappuccino. Infine la accompagnano in chiesa dove si siede a pregare e di quel velo di tristezza nei suoi occhi non c’è più traccia. Il parroco si offre di prendersi cura della donna: «tranquilli – dice agli agenti – ora subentriamo noi, una persona si prenderà cura di lei».

 

Fonte: La Stampa

Tags:

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Questo è uno dei, purtroppo frequenti, casi di presbiopia sociale: vediamo i bisogni lontani, qualche volta planetari, ma non un vicino bisognoso o sofferente.