Pfas, rapporto Regione: trovate 4 sostanze in oltre 50% monitorati

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Ad oggi, sono 17.605 le persone coinvolte nel Piano di Sorveglianza Sanitaria della Regione in relazione all’inquinamento da Pfas tra le province di Vicenza, Verona e Padova. Per 13.856 di queste sono già disponibili tutti gli esiti (valori degli esami e risposte al questionario sugli stili di vita proposto). I soggetti già invitati sul totale delle persone da invitare sono il 39,8%. Di questi, il 60% si è presentato alla visita. Al 27 giugno scorso, sono 7.716 le persone alle quali è stato indicato di iniziare un percorso di approfondimento (di secondo livello), prenotando una visita presso l’ambulatorio internistico e quello cardiovascolare. Di questi, 750 si sono presentati per la visita internistica e 1.079 per quella cardiologica. Sono solo alcuni dei dati sono contenuti nel sesto Rapporto sull’andamento del Piano di Sorveglianza Sanitaria sulla Popolazione esposta a Pfas, diffuso oggi dalla Direzione Prevenzione della Regione. I tecnici regionali stanno monitorando le concentrazioni sieriche di 12 sostanze Pfas.

Sinora si è notato che sono quattro i composti rinvenuti in più del 50% della popolazione monitorata: si tratta di PFOA, PFOS, PFHxS e PFNA. Nel dettaglio, le concentrazioni mediane di PFOA e PFHxS nell’Area Rossa A (54,3 ng/ml e 4,5 ng/ml rispettivamente) risultano quasi doppie rispetto a quelle dell’Area Rossa B (35,3 ng/ml e 2,8 ng/ml). Più contenuta la differenza per quanto riguarda il PFOS (4,3 ng/ml nell’Area A e 3,3 ng/ml nella B). Le donne presentano concentrazioni sieriche inferiori rispetto agli uomini. I dati, inoltre, confermano i criteri di classificazione delle Aree Rosse A e B, con valori maggiori nell’Area A per chi consumava ortaggi irrigati con acqua di pozzo rispetto all’Area B dove l’inquinamento aveva coinvolto la sola rete acquedottistica (messa in sicurezza con i filtri). Tali analisi sono in fase di approfondimento. Per quanto riguarda gli esami bioumorali, si evidenzia che il colesterolo risulta essere il parametro con più valori “fuori norma” e tale percentuale aumenta all’aumentare dell’età.

(Ph. David Silverman)

Tags: , , , , ,

Leggi anche questo

  • Paolo Maria Ciriani

    FORSE HANNO DIMENTICATO DI CONTROLLARE IL TASSO ALCOLEMICO DI BASE…SICURAMENTE IL VALORE BIOUMORALE PIù DIFFUSO (ANCHE SECONDO OLIVIERO TOSCANI)