Ong Open Arms e migrante fanno causa all’Italia

L’ong Open Arms e la migrante Josefa, sopravvissuta al naufragio in cui invece hanno perso la vita madre e figlio e di cui molto si è discusso, dopo l’approdo sicuro in Spagna, a Maiorca, annunciano di voler fare causa alla guardia costiera italiana e al governo per essersi rifiutati di soccorrerli e di aver fatto sbarcare i corpi a Catania. Josefa vuole querelare anche la guardia costiera libica per aver speronato la loro imbarcazione.

«Se la ong spagnola ha preferito rifiutare l’approdo in Italia per scappare altrove – risponde una nota del Viminale -, è un problema suo. I porti siciliani erano aperti anche per accogliere i cadaveri a bordo, e per questo alla ong era stata esclusa l’opzione Lampedusa: l’isola è infatti sprovvista di celle frigorifere per i corpi».

(Fonte: Ilgiornale.it)

(Ph: Facebook – Proactiva Open Arms)