«Boldracca»: dopo il post offensivo arriva la querela

Il consigliere comunale di Genova di Fratelli d’Italia Alberto Campanella aveva usato nei giorni scorsi su Facebook un epiteto offensivo nei confronti di Laura Boldrini chiamandola «Boldracca». Il post è stato rimosso ma sono bastati pochi minuti perchè venisse condiviso migliaia di volte rendendolo indelebile sul web.

L’ex presidente della Camera ha annunciato querela con una frase che vuole fare il verso a quella utilizzata da Matteo Salvini citando Mussolini «molti amici, molto onore». La Boldrini scrive su Twitter: «molti haters, molte querele! Uno che storpia il nome di un’avversaria politica in modo volgare non ha argomenti ed evidentemente deve avere qualche problema con il genere femminile. In ogni caso per lui nessuna eccezione: sarà querelato».

Ecco la versione di Campanella: «sono una persona per bene e non mi appartengono gli insulti. Mi dispiace se la Boldrini si è sentita offesa…non era mia intenzione in quanto il mio post era riferito ad un film girato a Santa ma ambientato a Cartagena nel quale ho risposto, essendo il mio profilo privato, senza malizia e senza alcun riferimento specifico alla persona, ad un commento lasciato da un altro utente (peraltro di sesso femminile). La mia storia personale parla per me, io rispetto le donne, mi batto per la loro sicurezza tutti i giorni in collaborazione con le Forze dell’Ordine con cui collaboro assiduamente».

Tags:

Leggi anche questo