Pfas e GenX, Arpav: «fonte è Miteni, falla nell’impianto»

Dalla Regione trapelano nuove indiscrezioni sulle indagini condotte da Arpav in merito all’inquinamento da Pfas nella falda acquifera tra le provincie di Vicenza, verona e Padova. La presenza delle sostanze perfluoro-acriliche, così come altre sostanze chimiche nuove, come il GenX stupisce perché tali inquinanti, lavorati dall’azienda Miteni di Trissino avrebbero dovuto restare nei camion o negli impianti, mentre sono finite nel sottosuolo, filtrando nella falda.

Come riporta Piero Erle sul Giornale di Vicenza a pagina 7, proprio il recente caso GenX avrebbe fatto cambiare la prospettiva sull’inquinamento ambientale: per anni si è cercata una “fonte storica” di inquinamento, come i rifiuti interrati. Ora invece i tecnici dell’Agenzia regionale per l’ambiente sono convinti che è l’impianto in sé ad avere un qualche tipo di perdita, che ha comportato uno sversamento che è sempre continuato nel tempo.

(Ph. Julie Dixon / Phys.org)

Tags: , , , , ,

Leggi anche questo