Possamai (Pd): «mondiali ciclismo a rischio, ma a Vicenza tutto tace»

L’ex capogruppo Pd in Consiglio comunale a Vicenza, Giacomo Possamai, interviene sulla vicenda della candidatura del capoluogo berico ai Mondiali di Ciclismo 2020. «Vedo tanto (comprensibile) dispiacere perché sta saltando la candidatura italiana alle Olimpiadi invernali del 2026 – scrive su Facebook -, anche da parte di molti politici nostrani. Da vicentino (e da veneto) mi piacerebbe ci fosse la stessa attenzione (o, se non la stessa, almeno un po’) sul fatto che stiamo per perdere l’assegnazione a Vicenza dei Mondiali di ciclismo del 2020. Pare che non se ne sia accorto nessuno ma Vicenza ha già ottenuto (l’anno scorso) l’assegnazione di una delle competizioni più importanti del mondo e sta rischiando una figuraccia internazionale (insieme all’Italia intera) perché mancano 2 milioni di euro di fideiussione che né il Governo né la Regione al momento hanno provveduto a garantire».

«Quindi  -prosegue Possamai – rischiamo che la settimana prossima venga tolta l’assegnazione e data alla Svizzera. Parliamo di un Mondiale che dovrebbe partire da Piazza San Marco a Venezia e arrivare a Vicenza, con un meraviglioso circuito sui Berici: pensate a quale straordinaria vetrina sul mondo sarebbe. Ora, visto che Vicenza non è New York e nemmeno Roma o Milano, mi aspetterei che di fronte al rischio di perdere un evento che capita una volta nella vita e all’occasione di far conoscere la città a milioni di persone, ci fosse una sorta di sollevazione da parte delle istituzioni locali e di tutte le realtà che hanno a cuore la città. E invece mi pare che il silenzio (e la rassegnazione) regnino sovrani».

Tags: ,