Prodi contro il governo: «rischio democrazia illiberale»

L’ex presidente del Consiglio Romano Prodi in un’intervista al Corriere della Sera, ha parlato della manovra finanziaria e del governo M5S-Lega. Secondo Prodi la manovra è «a breve termine», cioè orientata ad un successo elettorale alle prossime europee. Inoltre, sostiene l’economista bolognese, prima di fare la voce grossa in Europa bisognerebbe abbassare il debito pubblico. Incalzato sul paragone con l’Ungheria di Orbàn, definita come «democrazia illiberale», Prodi ha detto che il governo attuale è simile. «È un rischio che corriamo – ha detto -. Ci troviamo infatti nel caso in cui chi ha avuto il mandato popolare pensa di avere diritto a fare o a dire qualunque cosa. Come se l’elezione portasse in dote la proprietà del Paese. È una deviazione non solo italiana. Penso alla Polonia e all’Ungheria, così vicina al cuore di Salvini. Penso – conclude – alla scena dei ministri grillini affacciati al balcone di Palazzo Chigi».

(Fonte: Marco Ascione per il Corriere della Sera)

(Ph. Shutterstock)

Tags:

Leggi anche questo