Aborto, Pd Verona: «capogruppo si dimetta»

Il Partito Democratico di Verona rende noto in un comunicato firmato dai consiglieri Elisa La Paglia, Stefano Vallani (in foto) e Federico Benini di aver sfiduciato la capogruppo Carla Padovani, rea di aver votato a favore della mozione promossa dalla giunta di centrodestra e approvata dal consiglio comunale scaligero che finanzia con soldi pubblici le associazioni private cattoliche “pro-vita” che aiutano le donne a non abortire. «I consiglieri comunali del Partito Democratico sfiduciano la capogruppo Carla Padovani per quanto di grave e inaccettabile accaduto nel corso del Consiglio comunale di Verona di giovedì 4 ottobre durante la votazione della mozione antiabortista sostenuta dalla Lega e dal sindaco di Verona – dichiarano i consiglieri dem nella nota -. La posizione di adesione alla mozione espressa dalla capogruppo è inaccettabile perché tale mozione mistifica principi e risultati della Legge 194, che ha svolto e svolge un ruolo fondamentale nell’emancipazione non solo della donna ma della società italiana intera».

«Tenta in modo strumentale di colpevolizzare la figura della donna– prosegue la nota – riconducendo la dolorosa scelta dell’aborto all’origine del processo di calo demografico del Paese; attacca gratuitamente la credibilità di presidi di salute fondamentali come i consultori e ospedali; bolla come “uccisioni nascoste” lo scarto di embrioni in uso nelle tecniche di procreazione medicalmente assistita; strumentalizza la funzione di un consiglio comunale chiamato ad amministrare le risorse pubbliche e non a fare propaganda. Per tutti questi motivi -conclude il comunicato – crediamo che la consigliera Padovani non sia più compatibile con il ruolo di capogruppo di una forza che vuole essere d’alternativa e sconfiggere i beceri populismi, pertanto ne chiediamo formalmente le dimissioni».

(Ph. Facebook – Stefano Vallani)

Tags: , ,

Leggi anche questo