Neet, reddito di cittadinanza a rischio per i “bamboccioni”

I “neet“, ossia i cosiddetti bamboccioni che non studiano, non lavorano e non cercano occupazione, rischiano di restare esclusi dal reddito di cittadinanza. Secondo i criteri che si stanno delineando – riporta Andrea Bassi sul Messaggero – se i giovani scoraggiati sono a carico dei genitori e la famiglia ha un reddito Isee superiore a 9.360 euro, questi resterebbero tagliati fuori dalla misura prevista nella manovra finanziaria.

Per avere diritto al reddito di cittadinanza, i mantenuti dai genitori dovrebbero iscriversi in massa ai centri per l’impiego, con l’effetto di far aumentare il numero di disoccupati, che a sua volta andrebbe a ridurre il deficit strutturale dell’Italia. Per convincere i Neet a iscriversi ai Centri per l’impiego, tuttavia, sarebbe necessario che incassassero il reddito, ma i 7 miliardi finora stanziati sono insufficienti a coprire tutta la platea.

(Ph. Shutterstock)

Tags:

Leggi anche questo