Reddito cittadinanza e finti poveri: irregolari 6 su 10

Secondo i dati della Guardia di finanza, dal 2016 al 2018 ogni 10 persone beneficiarie di esenzioni per motivi economici controllate, 6 avevano presentato dati falsi sull’indicatore economico Isee. Lo riportano Cristiano Dell’Oste e Valentina Melisi sul Sole24Ore di oggi a pagina 3. Su 8847 persone controllate da gennaio a giugno di quest’anno, 5435 non avevano i requisiti necessari per accedere alle agevolazioni, richieste o già intascate. Il settore più colpito è quello sanitario, dove il 90% avrebbe usufruito di esenzioni del ticket senza averne diritto.

A tal proposito il ministro dell’economia Giovanni Tria e il sottosegretario all’economia Laura Castelli stanno vagliando delle misure, da inserire in un futuro ddl, per assicurarsi che il reddito di cittadinanza venga erogato a chi ne ha davvero bisogno. L‘incrocio delle banche dati è un sistema efficace, ma che potrebbe essere frenato dalla legge sulla privacy. Inoltre da questo tipo di controllo rimangono escluse le persone che usano contanti, soprattutto per quel che riguarda il sommerso, cioè il lavoro nero.

(Ph Dafinchi Shutterstock)

Tags:

Leggi anche questo