Anniversario Vajont, geologi: «fotografia dell’Italia miope»

08:00 – Erano le 22.39 del 9 ottobre del 1963 quando 263 milioni di metri cubi di roccia si staccarono dal monte Toc precipitando nel bacino creato dalla diga del Vajont e sollevando una gigantesca ondata alta 260 metri, che causò la morte di 1917 persone. «Il disastro del Vajont – commenta Domenico Angelone, tesoriere del Consiglio Nazionale dei Geologi – costituisce la fotografia di un Paese miope dal punto di vista della prevenzione e della valorizzazione delle professionalità. I geologi di allora furono inascoltati esattamente come oggi, a distanza di 55 anni, si continua a maltrattare il territorio e a sfidare le forze della natura con il cemento e la perfezione teorica, in accordo con l’approssimazione politica e l’arroganza di chi continua a non voler risolvere il problema alle sue origini». All’epoca, infatti, gli studi geologici ritenevano la realizzazione della diga non realizzabile per le precarie condizioni morfologiche dei versanti.

«Il Vajont ha segnato nella storia d’Italia un momento di svolta – sostiene Angelone – esattamente come accadde con il terremoto dell’Irpinia del 1980, quando lo stesso Presidente Pertini evidenziò le gravissime carenze culturali, organizzative e programmatiche di un Paese che, in entrambe le vicende, si dovette vergognare di fronte alla popolazione mondiale». Culturalmente, accusano i geologi, siamo rimasti «alle stesse logiche che tendono a rincorrere l’emergenza e ad apporre pezze ancora peggiori del buco che si vuole coprire. La mancanza di cultura geologica sia nelle istituzioni che nelle leggi che esse producono, costituisce il vero cancro del Paese». Non manca un esplicito riferimento alle recentissime norme tecniche per le costruzioni 2018, impugnate dal Consiglio nazionale dei geologi e da 13 Ordini regionali davanti al Tar del Lazio: «abbiamo da sempre evidenziato come sia le vecchie norme che quelle vigenti siano inadeguate alla salvaguardia della sicurezza dei cittadini». (Fonte: Ansa)

(Ph. Shutterstock)

Tags: ,

Leggi anche questo