“Mondo Prezioso”, orafi a Salvini: «serve semplificazione»

Il mondo orafo italiano si è dato appuntamento all’ultima giornata di “Mondo Prezioso” a Marcianise (Caserta) per confrontarsi sui temi di maggiore attualità per il comparto. In due distinti momenti, si sono svolti il Consiglio Direttivo di Confindustria Federorafi, presieduto dalla presidente Ivana Ciabatti e salutato dal vicepresidente di Confindustria Caserta, Beniamino Schiavone, e un incontro di Federpreziosi, alla presenza del presidente Giuseppe Aquilino e di molti esponenti dell’associazione nazionale che riunisce il mondo del dettaglio orafo italiano. A dare il benvenuto agli ospiti da tutta Italia, il presidente del Tarì Vincenzo Giannotti: «l’incontro delle due principali Federazioni rappresentanti del Mondo Orafo Italiano nel nostro polo di Marcianise ha rappresentato un importante momento di confronto, una nuova opportunità per riflettere sulle esigenze dell’intera filiera orafa».

Al termine dei due incontri, un tavolo comune ha favorito il confronto sulle priorità del sistema orafo con particolare riferimento al mercato interno. Dopo un’ampia analisi delle azioni sviluppate dalle due organizzazioni per la tutela della professione e per lo sviluppo del business dei propri associati è stata sottoscritta una lettera congiunta per il Ministero dell’Interno in materia di semplificazione e deciso di avviare tavoli comuni per monitorare i cambiamenti del mercato e promuovere le azioni da intraprendere. «È ora di agire con concretezza e con rinnovata determinazione», ha auspicato Ciabatti, mentre Aquilino ha ribadito: «la sfida oggi è quella di fare rete tutti insieme, valorizzando ognuno le proprie eccellenze e identità, affinché le aziende di produzione e la realtà del dettaglio sappiano promuovere un dialogo costruttivo e lungimirante».

Tags: