Cimici e calo prezzi, anno nero per la soia in Veneto

08:00 – Il 2018 si prefigura come un’annata nera per la soia in Veneto: a causa del proliferare della cimice asiatica e del calo dei prezzi, le quotazioni sono scese dai 360 euro a tonnellata del 2017 ai 330 di quest’anno. Lo sottolinea Giangiacomo Bonaldi, cerealicoltore di Confagricoltura e presidente del Consorzio maiscoltori e cerealicoltori del Piave: «La cimice quest’anno ha fatto molti danni sulla soia, anche se rispetto ai frutteti ci riesce più difficile quantificare i danni perché sono meno evidenti».

«Quello che è certo – prosegue Bonaldi – è che le piante hanno avuto un comportamento anomalo, in quanto molti baccelli sono verdi o vuoti. Le rese sono state più basse anche del 40%, ma ci sono coltivatori che hanno perso tutto il raccolto. Anche i prezzi sono andati giù, ma in conseguenza dell’andamento dei mercati internazionali: i dazi imposti da Trump alla Cina hanno avuto una conseguenza diretta sui prezzi. E siccome il prezzo di Chicago è sceso moltissimo, anche noi ne abbiamo risentito». (fonte: Ansa)

(Ph. Shutterstock)