Treviso, bufera su concessionaria: «cambio automatico, segretaria si piega meglio»

Sta diventando virale il post scritto su Facebook dall’officina di Treviso Autosile Service srl, fatto per pubblicizzare la vendita di una Bmw. Il motivo? Oltre a continui luoghi comuni sessisti, la parte più “forte” è quando si arriva a decantare l’utilità del cambio automatico. E se pensate che venga citata la comodità di non dover pigiare il pedale e ingranare la marcia vi sbagliate di grosso. Il motivo di elogio è che «l’impiegata fidata al tuo fianco è già piegata senza opporre nessuna lamentela della leva del cambio infilata nelle costole…TU hai il cambio automatico non una sbarra verticale tra te e lei e immagina come proseguirà il viaggio, ricordati che poi dovrai usare i fazzolettini umidificati nel cassetto e nel minifrigor troverete da bere anche se lei è già dissetata ma va bene cosi».

Il post, oltre a far indignare alcuni utenti di Facebook, ha fatto “ingranare la marcia” anche alle donne dell’associazione “Non una di meno di Treviso” che attaccano: «non una mercificazione in più sui nostri corpi! Riteniamo inaccettabile che un’azienda nel 2018 possa ancora far riferimento ad uno stereotipo fortemente maschista per commercializzare i suoi prodotti. Una pubblicità dove vengono utilizzati stereotipi di genere offendendo la dignità femminile, favorendo l’insorgere di episodi di violenza, alimentando le discriminazioni nell’ambito lavorativo e il clima di sopraffazione e ricatto nei confronti delle donne. Chiediamo la rimozione di tale pubblicità svilente anche nei confronti di dirigenti di azienda, padri, mariti e compagni. Chiediamo a tutti gli enti pubblici e ai privati di dotarsi di un codice etico che impedisca di erogare finanziamenti pubblici e di accettare sponsorizzazioni da aziende che promuovono modelli di genere sessisti. Ci appelliamo all’etica che auspicalmente è presente in ogni Essere Umano che abbia compreso che la massima espressione della propria forza risiede nel contrasto alla violenza e ai soprusi».

Tags: ,

Leggi anche questo