Europa, Bundesbank: «Italia deve cedere sovranità»

Il governatore della banca tedesca Bundesbank Jens Weidmann, intervenendo all’incontro Young Factor promosso dall’Osservatorio permanente Giovani-Editori, a cui hanno partecipato anche i governatori delle banche centrali di Italia, Ignazio Visco, e Olanda, Klaas Knot, ha parlato della moneta unica, dell’ipotesi di un’Europa a due velocità e del concetto di sovranità. Come scrive Bartolo Dall’Orto sul Giornale, in un’intervista all’ex direttore del Corriere dell Sera Ferruccio De Bortoli, Weidmann ha detto che «se non siamo pronti a cedere sovranità all’Ue perché vogliamo essere liberi di decidere a livello nazionale, come fa l’Italia, sarà difficile condividere le responsabilità delle decisioni nazionali; e queste decisioni nazionali prese a livello individuale dai Paesi dovranno essere conformi all’Unione monetaria, che è una stabilità con una banca centrale, e che evita troppa divergenza»

Ribadendo che «nell’Eurozona c’è una sola velocità» e che l’unica velocità alternativa è di quei Paesi che hanno deciso di stare fuori dall’euro, Weidmann si è detto abbastanza tranquillo per quanto riguarda i mercati. «Non darei un’importanza eccessiva dal punto di vista macroeconomico alla volatilità delle borse che vediamo – ha detto- siamo in una fase di maturità del ciclo economico, anche le borse sono sopravvalutate e forse sono necessarie delle correzioni. Ma non è cosa che ci preoccupa dal punto di vista della politica monetaria».

T.D.B.

(ph: Simon Roughneen – Shutterstock)