Mose, M5S Venezia a Toninelli: «rendere pubblici i documenti»

Il Movimento 5 Stelle di Venezia ha incontrato il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli per parlare di Grandi Navi, Mose, porto, aeroporto e della contestazione Unesco, che ha inserito Venezia nella lista dei siti che rischiano di essere esclusi da Patrimonio dell’Umanità. «Oggi una delegazione M5S, composta dalla senatrice Orietta Vanin e dai consiglieri comunali Sara Visman e Davide Scano ha incontrato a Milano il Ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli – si legge sulla pagina Facebook del M5S di Venezia – per un confronto sulle più importanti tematiche che coinvolgono la città lagunare: Mo.SE, Grandi Navi, Porto e Aeroporto i temi affrontati. Abbiamo rappresentato al ministro l’esigenza innanzitutto di analizzare tutte le ipotesi sul tavolo, nessuna esclusa, per la gestione della crocieristica, secondo il criterio costi-benefici ed il maggior-minor impatto ambientale».

«Abbiamo ribadito – prosegue il post del Movimento – la necessità di ripristinare la figura del Magistrato alle Acque per la gestione futura del Mo.SE nonché per mantenere le funzioni di salvaguardia delle acque lagunari. Abbiamo evidenziato al Ministro l’anomalia del Porto di Venezia, unico in Italia a non aver ancora ottemperato alla Legge n. 84/1994 per l’aggiornamento del PRP, risalente al 1908 per le aree della Marittima. Per quanto attiene il Mo.SE abbiamo chiesto, sull’esempio delle concessioni autostradali, di vagliare la possibilità di render pubblica tutta la documentazione tecnica così da stimolare i politecnici di tutto il mondo a darci suggerimenti per eventuali migliorie e correzioni. La senatrice Vanin – conclude la nota del Movimento – ha sottolineato, infine, la scorrettezza del sindaco Luigi Brugnaro nel non convocare il Comitato di pilotaggio per la relazione da consegnare il 1 dicembre a Parigi all’Unesco, come richiesto più volte dal Sindaco di Chioggia, Alessandro Ferro». Si tratta della risposta all’organizzazione delle Nazioni Unite che aveva inviato una contestazione inserendo Venezia nella lista dei siti che rischiano di essere esclusi dal Patrimonio dell’Umanità. Secondo i pentastellati veneziani i problemi non sono stati risolti. (t.d.b.)

(ph: Facebook – M5S Venezia)

Tags: , ,

Leggi anche questo