Meloni: «Mose va finito, con 4 mesi di reddito cittadinanza lo paghi»

Giorgia Meloni, durante una visita a Marghera per un incontro con gli imprenditori, ha parlato del Mose dichiarando: «per noi va completato. Questo vale anche per la Tav, per il terzo valico, vale per tutte le infrastrutture italiane. Io credo alla crescita felice, e penso che nessuna nazione al mondo valuti un’infrastruttura strategica sulla base di quanto costa la penale da pagare all’Unione europea, di cose folli. Le infrastrutture servono nella misura in cui sono strategicamente utili. I soldi che servono per finire la Tav sono i soldi che pagano per quatto mesi il reddito di cittadinanza. Solo che con il reddito di cittadinanza li bruciamo in quattro mesi, con la Tav no. E questo vale anche per il Mose. Mi dispiace che abbiamo un ministro delle Infrastrutture il cui ruolo è quello di bloccare le infrastrutture».

Infine ha commentato la manovra e lo scontro in atto con l’Unione Europea. «Sono sempre poco attenta alle recriminazioni della Commissione europea, oggi è più attendibile il Mago Otelma rispetto a quello che dicono. Non mi spaventa la minaccia di infrazione, a me spaventa più un conflitto su una manovra come questa. Il tema era talmente serio da meritare una manovra seria. Se noi fossimo andati in Europa a dire che vogliamo sforare il deficit perché mancano infrastrutture, perché abbiamo intere regioni in ritardo drammatico, perché vogliamo potenziare i nostri porti, perché abbiamo deciso che facciamo uno choc fiscale e abbattiamo il costo lavoro, e ci servono i soldi dello sforamento, io penso che L’Europa avrebbe avuto qualche difficoltà ad aprire procedure di infrazione. E’ molto più facile quando dici di mettere 10 miliardi di euro per mantenere disoccupati i disoccupati». (a.mat.)

(Fonte: Ansa – 18:18)

Tags: , ,

Leggi anche questo