Regno Unito, scoperta clinica per bimbi che vogliono cambiare sesso

Indignazione nel Regno Unito dopo la scoperta di una clinica per bambini specializzata in cambi di sesso. Nella struttura una donna, che l’anno scorso era stata radiata dall’ordine nazionale dei medici, somministrava trattamenti ormonali mirati al mutamento delle rispettive «identità sessuali» a «decine di bambini» di «neanche dodici anni di età». I giudici hanno accusato la donna di aver adibito il proprio ex studio privato in una clinica dove trattava disturbi di genere infantili e praticava nei confronti di diversi minori terapie a base di massicce dosi di ormoni suscettibili di «alterare il normale sviluppo dei connotati sessuali individuali». Tutte azioni che violano le leggi britanniche e le direttive dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Nel suo sito internet la donna accusata pubblicizzava dal 2017 gli effetti benefici dei trattamenti ormonali da lei ideati ed esortava i genitori dei bimbi affetti da crisi d’identità sessuale e desiderosi di avviare l’iter per la transizione da un sesso all’altro a contattarla. Secondo le indagini, l’ex dottoressa si faceva pagare dai pazienti dalle 75 e alle 150 sterline l’ora. La donna, indagata per esercizio abusivo della professione medica, truffa e per violenza morale e piscologica su minori, è stata condannata a pagare poco più di 20 mila sterline. Molti i cittadini britannici indignati perchè ritengono la pena troppo mite. L’avvocato difensore ha dichiarato: «la mia cliente ha sempre agito con la massima cautela. Le terapie ormonali non sono suscettibili di arrecare alcun danno permanente alla salute. Servono solo ad accrescere nei minori la consapevolezza della loro vera identità di genere». (a.mat.)

Fonte: Il Giornale

(ph: Shutterstock)

Tags:

Leggi anche questo