Muore dopo colpo di tosse: il caso che ha sconvolto anche i medici

Una storia incredibile e con risvolti agghiaccianti arriva dagli Stati Uniti dove un uomo di 36 anni, in California, è morto dopo un colpo di tosse. Il suo caso è stato studiato anche dalla rivista scientifica “New England Journal of Medicine“. Il 36enne soffriva di problemi cardiovascolari e portava il peacemaker. Dopo una settimana di terapia farmacologica per i suoi problemi al cuore, ha sviluppato una forma talmente acuta di tosse che ad un certo punto ha letteralmente sputato un pezzo di polmone, cioè l’albero bronchiale destro, dei piccoli tubicini che portano l’aria ai polmoni. Dopo una settimana l’uomo è deceduto. Si è scoperto che l’uomo soffriva di frazione di eiezione, cioè il termine con cui il sangue viene pompato a ogni contrazione era il 50% in meno della norma. Prima del ricovero aveva rinvenuto tracce di sangue nel muco, ma i medici ritenevano la sua situazione sotto controllo.  (t.d.b.)

(Fonte: Tpi)

(ph: Pop Paul Catalin – Shutterstock)

Tags:

Leggi anche questo