Vicenza, Giovine: «chiudere il Bocciodromo»

L’assessore comunale alle Attività produttive con deleghe al Commercio di Vicenza Silvio Giovine (in foto) è intervenuto sul suo profilo Facebook sul presunto saluto fascista dell’assessore alle Infrastrutture Claudio Cicero, che in questi giorni è diventato un caso politico nel capoluogo berico. Giovine si scaglia in particolar modo contro il centro sociale Bocciodromo, invocandone seppur indirettamente la chiusura, dopo la pubblicazione sulla pagina Facebook del Bocciodromo della foto di Cicero a testa in giù, che allude a piazzale Loreto. «Quante volte in questi anni ci hanno raccontato la favola di uno spazio gestito da associazioni culturali, aperto a tutti, apolitico – ha scritto l’assessore -. Ecco nella dichiarazione accompagnata a questa foto a testa in giù c’è tutto quello che rappresentano veramente: odio, violenza, minaccia. Negli anni gli si è concesso di rimanere lì persino dopo l’aggressione alle forze dell’ordine a ponte Marchese dove attaccarono i nostri agenti lanciando pietre. Adesso basta – ha concluso Giovine -. Non esiste che i gestori di uno spazio comunale decidano di minacciare di morte qualcuno». (t.d.b.)

(ph: Facebook – Silvio Giovine)