Russia, Putin dichiara guerra… al rap: «porta degrado»

Il presidente russo Vladimir Putin ha deciso che lo Stato deve intervenire anche nelle mode dei giovani, soprattutto quando esse hanno a che vedere con il consumo di sostanze stupefacenti e con il degrado. Nel mirino di Putin c’è il rapper Husky, che se la prende spesso nelle sue canzoni con il governo e la polizia.«Il rap si basa su tre pilastri: sesso, droga e protesta. Di tutti questi, la droga è il più preoccupante – ha detto Putin -. È la via verso il degrado di un Paese». Putin ha quindi proposto, non tanto di vietare questo tipo di musica, quanto di controllarla attraverso il ministero della cultura, che potrebbe erogare sovvenzioni statali ai rapper locali. In molti hanno già parlato di “rap di Stato”, ma il governo russo parla di una forma di controllo per un fenomeno giovanile che rischia di esorbitare dal mero contesto musicale per avvicinarsi ad ambienti pericolosi. (t.d.b.)

(Fonte: Ilgiornale)

(ph: Shutterstock)

Tags: ,