Autonomie regionali, Conte: «intesa il 15 febbraio»

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in una conferenza stampa assieme al ministro degli Affari regionali e Autonomie Erika Stefani e al ministro dell’Interno Matteo Salvini, ha spiegato di aver avviato il percorso per l’autonomia delle tre Regioni che l’hanno chiesta: Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. «Si tratta di un percorso lungo – ha spiegato Conte – e dovremo fare diverse valutazioni, anche politiche. Abbiamo fissato una data – ha aggiunto – il 15 febbraio, per incontrare i rappresentanti delle 3 regioni e firmare un’intesa, che è un passo fondamentale». «L’autonomia differenziata – ha aggiunto il ministro Stefani – va ad operare su quelli che già sono spazi cosiddetti concorrenti, ovvero già le Regioni possono legiferare in queste materie assieme allo Stato, ma con l’autonomia potranno farlo in maniera esclusiva. Tutto questo è preceduto da tavoli tecnici». Dopo l’intesa del 15 febbraio, spiegano Conte e Stefani, verrà scritto il disegno di legge da portare in parlamento e far approvare dalla maggioranza assoluta di Camera e Senato. Rispondendo alle domande dei giornalisti sulla possibilità che l’autonomia crei un divario tra Nord e Sud, Salvini ha detto: «c’è già». (t.d.b.)