«Rifiuti: Verona salvata in extremis da Padova, Zaia non dà risposte»

«Tra sei mesi anziché a Sant’Urbano dovremo rivolgerci a Sant’Antonio». La consigliera veronese del Partito Democratico Orietta Salemi ironizza sul «via libera della Regione al conferimento dei rifiuti ingombranti provenienti da Verona città e Verona Nord nella discarica patavina, dopo la chiusura dell’impianto di Torretta». In una nota, Salemi denuncia, «senza una vera programmazione regionale saremo sempre in emergenza» e ricorda: «avevamo lanciato l’allarme a metà novembre, e ora siamo al salvataggio in extremis, che è comunque una soluzione provvisoria. E in estate saremo al punto di partenza. La Regione, in due anni, non ha mai risposto alla richiesta di Torretta sull’ampliamento della discarica, indispensabile per poter ancora accogliere i rifiuti del capoluogo e del bacino Verona Nord, ben 58 Comuni.

Per Salemi si tratta di «un atteggiamento attendista per non scontentare nessuno, che è controproducente e finisce per aggravare i problemi. La rimodulazione di Torretta sarebbe una prima soluzione, di certo non l’unica. Nel breve periodo, come piano emergenziale, è necessario rivedere la programmazione degli impianti esistenti, mentre a medio termine è indispensabile individuare nuove soluzioni tecnologiche. Entrambe, però, chiamano in causa la Giunta Zaia, che su questo tema è tiepida, se non latitante. Sulla riorganizzazione impiantistica si è timidamente mossa a inizio legislatura, fuori tempo massimo, sotto la spinta di una procedura di infrazione avviata dall’Europa. Oggi – conclude Salemi – non vorremmo attendere di essere sommersi dai rifiuti per avere, finalmente, una risposta coraggiosa e definitiva». (r.a.)

(Ph. Shutterstock)