Usa, carne sintetica va a ruba: americani pazzi per l’hamburger 2.0

Tutti pazzi per la carne sintetica. Si chiama “Impossible burger 2.0” il panino creato dalla startup statunitense Impossible Foods che ha sbancato al Ces 2019 di Las Vegas, la più importante fiera dell’elettronica e dell’innovazione Usa. La versione 2.0 dell’hamburger ha la stessa quantità di ferro e proteine dell’originale, ma meno calorie. Si stima che nel corso della fiera ne siano stati distribuiti oltre 12 mila e chi ha avuto la possibilità di testarlo afferma di averne apprezzato il gusto. «La chiave per noi non è quella di concentrarsi su coloro che hanno già scelto alimenti di origine vegetale, ma su quelli che amano veramente mangiarsi un hamburger», dichiara Impossible Foods Inc, realtà finanziata da Google Ventures e da Bill Gates. L’ingrediente segreto della nuova carne sintetica è l’eme, sostanza sanguinolenta e rossastra che si trova nella carne degli animali, ma anche nelle radici dei legumi.

L’eme è simile nelle piante e nei muscoli dei bovini ed è ciò che permette alla polpetta sintetica di “imitare” l’aspetto e il sapore di una bistecca. La rivista “Time” ha inserito Impossible Foods tra le “genius companies” del 2018. «Un anno fa era disponibile in 40 sedi negli Stati Uniti, ora il loro hamburger è in più di 3000 ristoranti nel mondo», sottolinea “Time”. La svolta è arrivata l’anno scorso, quando la Food and drug administration (Fda) ha dato il via libera all’uso dell’eme, garantendo che è sicuro e può essere consumato. L’ok dell’agenzia ha lanciato l’azienda nel panorama internazionale. Gli esperti prevedono che nei prossimi cinque anni questo settore possa crescere del 40%, con un giro d’affari di 6 miliardi di dollari. (r.a.)

Fonte: Adnkronos
(Ph. Impossible Foods Inc. / Facebook)

Tags:

Leggi anche questo