Soppresso treno diretto Venezia-Roma, politici e imprenditori insorgono

Fa discutere la soppressione da parte di Trenitalia del treno Frecciarossa Venezia-Roma, un treno diretto in partenza alle 6:40 che consentiva di raggiungere la capitale in poco più di 3 ore. Imprenditori e politici, ma anche studenti e turisti, sono ora costretti ad anticipare i loro programmi di un’ora. Fortemente contrario anche il padovano Roberto Caon (Forza Italia) che sottolinea come Padova abbia perso una sorta di jolly essendo tappa fondamentale del percorso di quel treno e il sindaco di Treviso Mario Conte (Lega). «Rivolgo un appello a Trenitalia – dichiara in una nota il sindaco di Treviso Mario Conte – e per questo mi farò portavoce del territorio, affinché prenda in considerazione il ripristino di una risorsa, anche per i cittadini della provincia di Treviso, che, soprattutto per lavoro, facevano conto su quella tratta per andare e tornare in giornata da Roma. Il treno, infatti, sta diventando un mezzo di trasporto fondamentale nel collegamento fra le grandi città e sopprimere una fascia d’orario altrettanto strategica rappresenta sicuramente un danno per operatori economici e viaggiatori». (t.d.b.)

(ph: Imagoeconomica)