Migranti, blitz in Sicilia: sgominata banda di scafisti

La Guardia di Finanza di Palermo, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia, sta eseguendo 14 provvedimenti di fermo nei confronti di italiani e stranieri appartenenti a una organizzazione criminale dedita allo sfruttamento dell’immigrazione clandestina, al contrabbando di tabacchi lavorati e alla intestazione fittizia di beni e attività economiche. Alcuni dei soggetti sono stati bloccati al porto di Palermo, dove stavano per imbarcarsi su motonavi in partenza per la Tunisia, pronti a esportare illecitamente oltre 30 mila euro, presunti proventi delle attività.

Al contempo, è in corso il sequestro di 3 aziende del Trapanese riconducibili al promotore dell’organizzazione criminale (usati per riciclare i proventi illeciti), nonché di diversi immobili, automezzi, due pescherecci, denaro contante e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro. Per le traversate dei gommoni, con decine di immigrati irregolari provenienti dalla Tunisia, gli inquirenti hanno scoperto che venivano usati gommoni e imbarcazioni «precedentemente introdotti illegalmente a Lampedusa e già sottoposti a sequestro dalle Forze di Polizia». Le imbarcazioni sono state «rimesse nella disponibilità dei sodali operanti in Tunisia mediante consegne in mare aperto, per poter effettuare nuovi viaggi». (r.a.)

Fonte: Adnkronos

(Ph.photofilippo66 / Shutterstock.com)

Tags: ,

Leggi anche questo