Treviso, appello a Zaia: «accostato a Battisti per aver sostenuto Manildo»

Il designer trevigiano Enrico Casagrande Corradini scrive a Luca Zaia per chiedere l’intervento del governatore dopo essere stato insultato e accostato al terrorista Cesare Battisti (in foto). La “colpa” di Casagrande è di essere stato candidato nella lista Treviso Civica a sostegno dell’ex sindaco di centrosinistra Giovanni Manildo. «A tutto c’è un limite – scrive il designer -: generalizzare in maniera ridicola fa solo male alla società, spero il governatore Luca Zaia capisca che il Paese si sta allontanando dalla realtà, dobbiamo restare uniti, aldilà delle diverse idee politiche».

Casagrande – riporta Alessandro Bozzi Valenti su La Tribuna a pagina 23 – ha voluto raccontare quanto gli è accaduto non «per ragioni personali, ma per tutte le giovani generazioni a cui dobbiamo lasciare un Paese pulito, nonostante ad oggi stia andando culturalmente a rotoli, sono però un essere umano e non sono disposto ad abbassare la testa».

(Ph. Imagoeconomica)