Guardian vs prosecco, Coldiretti Veneto: «Per inglesi ormai è uno sport»

Dopo l’allarme lanciato dal ‘quotidiano britannico “The Guardian” sui danni che le coltivazioni di vigneti destinati alla produzione del prosecco causerebbero sui terreni, Coldiretti Veneto non ci sta e risponde a tono. «Il Prosecco prima faceva sbriciolare i denti ora fa franare le colline – ha dichiarato il presidente Daniele Salvagno – : la verità è che con la Brexit si rafforza lo spirito protezionista della Gran Bretagna e sparlare del vino più stappato dagli inglesi è ormai uno sport. È un costume diffuso per screditare le bollicine del Nord Est – prosegue il presidente di Coldiretti – che sono comunque tra le più apprezzate in Inghilterra considerato che il prodotto simbolo del Made in Italy ha raggiunto vendite nel 2018 pari a 350 milioni di euro secondo le stime e un aumento in valore del 6% rispetto all’anno precedente».

«Meglio concentrare le energie sui danni che un certo tipo di legislazione sfavorevole può creare alle esportazioni agroalimentari italiane – spiega Coldiretti – . Un esempio, in questo senso, è l‘etichetta nutrizionale a semaforo sugli alimenti che si sta diffondendo in gran parte dei supermercati che boccia ingiustamente quasi l’85% dell’agroalimentare italiano a denominazione di origine (Dop). L’etichetta semaforo- conclude la Coldiretti –  arriva a promuovere cibi spazzatura come le bevande gassate dalla ricetta ignota e a bocciare il Parmigiano Reggiano o il Prosciutto di Parma, ma anche un elisir di lunga vita come l’olio extravergine di oliva». (t.d.b.)

(Fonte: Adnkronos)

Tags: ,