Autonomia, Nugnes (M5S): «se Lega vuole Italia federale, coinvolga il Sud»

«Qui ci giochiamo tutto non solo come Movimento che ha preso i suoi voti al Sud, ma come cittadini del Sud, come professionisti del Sud e come gente del Sud. Se si vuole realizzare uno Stato federale così come scrive il governatore Zaia nella sua lettera ai cittadini del Sud, cosi come è ancora scritto nello statuto della Lega o come è tutto sommato dichiarato nella legge regionale del Veneto sul federalismo o addirittura abbozzato nella pre-intesa con il governo precedente dimissionario, che lo si dica apertamente». Lo dichiara senatrice del Movimento 5 Stelle Paola Nugnes (in foto).

«Per fare questo – aggiunge Nugnes – non basta la Costituzione così come è stata modificata nel 2001, bisogna rimettere mano ad una riforma costituzionale più consistente e strutturale, di cui tutti dobbiamo prendere atto e coscienza. Chiediamo che il dibattito sulle autonomie venga aperto a tutti gli operatori e a tutti i portatori di
interessi, anche meridionali: Unione industriali, Anci con rappresentanza regionale, Svimez, Università degli studi, costituzionalisti ed economisti, oltre naturalmente le commissioni competenti e le camere del Parlamento. In alternativa chiediamo che il Parlamento diventi per la questione soggetto centrale, prevedendo che possa e debba intervenire nella modifica con emendamenti del testo dell’accordo. Che l’accordo non si stipuli e non venga votato prima della definizione e dell’attivazione dei Lep (Livelli essenziali di prestazione, ndr) e che si stabiliscano livelli di perequazione adeguati per i servizi essenziali al 100%, come dettato dalla Costituzione». (r.a.)

Fonte: Adnkronos
(Ph. Imagoeconomica)