Bologna, libri in ospedale: Lodo Guenzi inaugura “Bookcrossing in corsia”

10 piccole biblioteche nelle sale d’attesa di 6 padiglioni dell’ospedale Sant’Orsola. Si tratta di “Bookcrossing in corsia“, la bella iniziativa che ha preso il via ieri al nosocomio di Bologna e che ha avuto come padrino d’eccezione Lodo Guenzi, il cantate de Lo Stato Sociale. Il concetto è semplice: i totem presenti nelle sale d’attesa degli ambulatori raccoglieranno libri che saranno a disposizione dei pazienti e dei familiari mentre aspettano. Le piccole biblioteche a libero accesso saranno distribuite nei padiglioni 2 (Albertoni), 5 (Nuove Patologie), 4 (Ginecologia ed ostetricia), 23 (Polo Cardio-toraco-vascolare).

Ma da dove arrivano i libri? Saranno donati proprio dai cittadini bolognesi. Dal 19 febbraio, infatti, in tutte le librerie.coop di Bologna (sia in quelle nel centro storico – Ambasciatori e Zanichelli – sia in quelle presenti nel resto della città – nei centri commerciali Lame, Borgo e Nova) è iniziata la raccolta: chiunque potrà mettere a disposizione le storie che ha letto e amato. Da una prima raccolta realizzata a dicembre sono già stati raccolti oltre 20 scatoloni di libri. Ogni terzo lunedì del mese gli autisti del Policlinico passeranno nei punti di raccolta per prelevare i testi donati che poi saranno selezionati e distribuiti tra i diversi totem, tenendo conto anche delle tipologie di pazienti che frequentano i padiglioni.

Il Bookcrossing in ospedale è nato nell’ambito del progetto Smart Hospital, per la riqualificazione e sviluppo dei servizi di accoglienza, da un’iniziativa di Coop Alleanza 3.0 nel quadro del progetto “Seminar libri”, libreria gratuita e condivisa presente attualmente in quasi 70 punti vendita, in collaborazione con il concessionario dei servizi commerciali (Sirio Spa e Meneghini & Associati Srl) e con il patrocinio del Policlinico. (a.mat.)

Tags: