«Campo Marzo, divieto di sdraiarsi: prossimo sarà quello di respirare?»

Francesco Rucco, sindaco di Vicenza, ha reso noto oggi l’intenzione di imporre il divieto di sdraiarsi sul parco a Campo Marzo. Il consigliere comunale di opposizione Raffaele Colombara ha commentato: «dopo il divieto di sedersi, ora quello di distendersi: il prossimo sarà quello di respirare? Premesso che l’obiettivo che Rucco si pone è quello di contrastare il bivacco e lo spaccio, con questa ipotesi conferma la sua totale inadeguatezza ed incapacità ad affrontare il tema, proponendo una soluzione che rende ridicolo un problema in realtà molto serio e purtroppo sempre più esteso».

«Sul tema sicurezza stiamo assistendo più che a delle proposte a delle pagliacciate in perfetto tema carnevalesco – continua Colombara -. Su campo Marzo avevamo proposto un approccio diverso: telecamere, presidio fisso con una centrale operativa in loco, illuminazione, ma soprattutto un concorso di idee per il totale rifacimento e riprogettazione del parco, con l’obiettivo di tenerlo più sicuro, ma soprattutto più attrattivo per i vicentini. Viene da chiedersi se Rucco sia mai andato fuori dai confini cittadini, in particolare nelle città universitarie: in quel contesto gli accadrebbe di trovare gruppi, anche di di studenti, che durante le pause affollano le aree verdi e i parchi pubblici, per sostare o anche studiare, in stagione primaverile ed estiva addirittura sdraiandosi. La prossima ordinanza che mi aspetto da Rucco per risolvere la questione dello spaccio a campo Marzo è quella di vietare a chiunque lo frequenti di respirare. Nella sua logica, ammesso che ce ne sia una, tutto appare molto confuso. Nel frattempo, i grandi proclami della campagna elettorale non si stanno assolutamente traducendo in fatti», conclude. (a.mat.)

Tags: ,