«Comunali, intesa Lega-FdI-FI: sbloccate candidature centrodestra»

Caro direttore,

i tre principali partiti del centrodestra stavano aspettando la conclusione delle elezioni in Sardegna per potersi riunire e sciogliere i nodi delle candidature dei principali capoluoghi italiani. In alcune città la tensione tra Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia stava arrivando alle stelle, così i leader nazionali hanno preferito ritrovarsi senza grossi proclami, dopo voci che si rincorrevano da giorni. Così, con un blitz notturno Berlusconi, Salvini e Meloni, ieri sera hanno finalmente sbloccato la situazione di molti comuni capoluogo.

Non era una situazione facile: da una parte Forza Italia forte dell’alto numero di consiglieri comunali espressi in tutta italia reclamava numerose candidature, dall’altra Salvini non era assolutamente intenzionato a cedere niente, forte dei risultati recenti del Carroccio e della sponda di Fratelli d’Italia. Così a smuovere la situazione sono state, nemmeno a dirlo, due donne fortemente volute da Berlusconi: parliamo di Adriana Poli Bortone a Lecce, vecchio pallino del leader azzurro, e della giovane attrice Alessandra Cantini a Livorno. A Forza Italia vanno anche Bari e Foggia.

L’ok sulle pupille del leader forzista ha sbloccato i veti incrociati in una serie di città dove la Lega proponeva candidati civici con l’appoggio del partito di Giorgia Meloni. Così in Emilia si è chiuso Modena con Prampolini, Reggio Emilia con Salati, Forlì con Zattini e Cesena con Rossi. A Ferrara via libera per la candidatura del leghista doc Fabbri. Situazione analoga in Toscana dove oltre alla già citata Cantini, a sfidare gli uscenti a Firenze e Prato saranno altri due civici, rispettivamente Bocci e Spada. Chiude il tavolo delle trattative la candidatura del leghista Corradino che proverà a riconquistare Biella.

Francesca Morelli

(ph: Imagoeconomica)