Mira (Ve), offerta solo per italiani poveri. Prete: «riprenditi i soldi»

Un fedele della parrocchia dei Santi Nicolò e Marco di Mira, in provincia di Venezia, ha consegnato una busta con un’offerta alla Caritas specificando il volere che quel denaro venisse usato per aiutare esclusivamente gli italiani poveri. Il prete don Gino Cicutto ha deciso di rendere pubblica la cosa nel bollettino parrocchiale: «nella busta c’era scritto “pro anziani, malati, al freddo o alla fame, italiani da sempre, in primis! Gli stranieri per ultimi!”. Questa cosa mi ha profondamente amareggiato e umiliato. Queste parole, che ripropongono slogan che siamo abituati a sentire, non hanno niente a che fare con la fede e la vita cristiana che considera i più poveri tra i primi, senza guardare il colore della pelle o la provenienza».

Il prete ha voluto sottolineare che «la persona che ha scritto queste parole deve interrogarsi seriamente sul suo essere cristiano e se non è d’accordo su quello che è la vera carità, può passare per la canonica a riprendersi la sua offerta. Eventualmente può consegnarla a chi la pensa come lui, ma non deporla davanti al Signore. Le parole che ascoltiamo o che leggiamo ogni giorno hanno la forza di incidere sulle coscienze e di rovinare quel patrimonio cristiano che il Vangelo continua a donarci e la Chiesa non si stanca di proporre con gioia e con forza». (a.mat.)

Fonte: Adnkronos

(ph: shutterstock)