«Con sovranisti al governo, Cina padrona a casa nostra»

«Dopo aver litigato con i nostri più importanti partner europei, l’Italia si sta esponendo al rischio di un totale isolamento internazionale con i suoi alleati storici. Se davvero fossimo il primo Paese del G7 a firmare l’accordo con la Cina per la cosiddetta “Via della Seta” andremmo incontro a una seria frattura del nostro storico rapporto con gli Stati Uniti, di cui è nota la contrarietà all’operazione». Lo afferma, in una nota, la presidente del gruppo Forza Italia alla Camera, Mariastella Gelmini (in foto).

«È uno strano sovranismo – sottolinea Gelmini – quello del nostro governo: siamo gli unici sovranisti del mondo a volere la Cina padrona a casa nostra. Perché questo è il rischio di una iniziativa opaca di cui il Parlamento italiano è stato ovviamente rigorosamente tenuto all’oscuro. Stupisce il silenzio di tutti coloro che ritenevano la Francia responsabile di ogni nefandezza in Africa o di coloro che si battevano contro il Ceta di fronte all’imponente progetto cinese. Temo che l’argomento di ampliare le prospettive per il nostro export sia una foglia di fico che nasconde ben altro», conclude. (r.a.)

Fonte: Adnkronos
(Ph. Imagoeconomica)

Tags: