Congresso famiglie a Verona, Zaia: «Regione non ritira patrocinio»

«Chi ha intenzione di fare un simposio dell’omofobia avrà la mia totale condanna. Al momento non abbiamo carte che vanno in questa direzione». Risponde così il governatore del Veneto Luca Zaia alla richiesta del Partito Democratico di ritirare il patrocinio della Regione al Congresso mondiale delle famiglie, in programma a Verona a fine mese. La manifestazione, sostenuta dal ministro della Famiglia, il veronese Lorenzo Fontana (Lega), è al centro di accese polemiche anche all’interno della maggioranza di governo.

Mentre sembra confermata la voce del ritiro del patrocinio da parte della Presidenza del Consiglio, anche il M5S ha condannato l’iniziativa: il sottosegretario alla Pubblica Istruzione, Mattia Fantinati, l’ha definita una «manifestazione contro la donna e le minoranze», mentre il ministro del Lavoro e leader del partito Luigi Di Maio ha dato degli «sfigati» agli organizzatori. Una nuova spaccatura tra Lega e 5 Stelle, questa volta sul piano dei diritti civili. (r.a.)

(Ph. Imagoeconomica)