New York, luoghi pubblici vietati a bimbi non vaccinati

La contea Rockland dello Stato di New York ha dichiarato l’emergenza a seguito di una grave epidemia di morbillo con oltre 153 casi accertati. Uno dei provvedimenti è stato quello di vietare ai bambini non vaccinati l’accesso agli spazi pubblici. La violazione sarà punibile con una multa di 500 dollari e fino a 6 mesi di carcere, riporta la Bbc news online.

Sarebbero stati registrati altri focolai di morbillo a Washington, in California, nel Texas e in Illinois. I tassi di vaccinazione sono infatti costantemente diminuiti negli Stati Uniti, con molti genitori che si oppongono per motivi filosofici o religiosi all’immunizzazione. E nella contea newyorkese i tassi di vaccinazione fra i giovani non raggiungono il 50% in molte comunità.

«Non staremo a guardare mentre i bambini della nostra comunità vengono messi a rischio – ha detto Ed Day  governatore di Rockland -. Questa è una crisi di salute pubblica ed è ora di dare l’allarme. Gli ispettori sanitari hanno incontrato resistenza alla vaccinazione da parte di alcuni residenti e questo è inaccettabile e irresponsabile. Per questo ho preso la decisione, senza precedenti, di vietare a tutti gli under 18 non vaccinati di recarsi in spazi come scuole, centri commerciali, ristoranti e luoghi di culto, entrata in vigore a mezzanotte di oggi». (a.mat.)

(ph: shutterstock)

Tags: