Oggi c’é un pericolo fascista? Lo storico: «No»

Sul Sole 24 Ore di oggi a pag 23, un estratto del nuovo libro di prossima uscita dello storico Emilio Gentile, intitolato «Chi è fascista» (Laterza, Roma), in cui il docente in forma di dialogo risponde ad alcune domande sull’attualità del fascismo oggi, a cent’anni dalla fondazione dei primi Fasci di combattimento nel 1919. Ne riportiamo una breve citazione: «non credo che abbia alcun senso, né storico, né politico, sostenere che oggi c’è un ritorno del fascismo in Italia, in Europa o nel resto del mondo. […] è fascista chi si considera erede del fascismo storico, pensa e agisce secondo le idee e i metodi del fascismo storico, milita in organizzazioni che si richiamano al fascismo storico, aspirano a realizzare una concezione fascista della nazione e dello Stato, non necessariamente identico allo Stato mussoliniano».

«Il fascismo è definitivamente trapassato, perché nessuno oggi, neppure i neofascisti mi pare, vuole restaurare il regime totalitario, che fu abbattuto con la vittoria irreversibile delle forze antifasciste, unite per restituire al popolo italiano la libertà e la sovranità». (t.d.b.)

(ph: Imagoeconomica)